Cosa puoi fare con la comunicazione di inizio lavori (CIL) per opere libere

Cosa puoi fare con la comunicazione di inizio lavori (CIL) per opere libere

L'inizio dei lavori deve essere comunicato dall'interessato all'Amministrazione comunale, senza dover attendere il rilascio di un titolo abilitativo (Legge provinciale 04/08/2015, n. 15, art. 78, com. 3) per:

  • le opere di manutenzione straordinaria, quando non riguardano le parti strutturali dell'edificio
  • gli interventi che interessano le parti esterne dell'edificio, nel rispetto dei materiali o della tinteggiatura previsti dal PRG o del piano colore, se adottato o, in assenza di disposizioni del PRG o del piano colore, gli interventi di sostituzione di parti esterne dell'edificio con materiali o tinteggiature uguali a quelli esistenti (Decreto del Presidente della Provincia 19/05/2017, n. 8-61/Leg, art. 27)
  • l'installazione di pannelli solari o fotovoltaici e dei relativi impianti collocati negli edifici o nelle relative pertinenze, nel rispetto dei criteri e dei limiti stabiliti dal Decreto del Presidente della Provincia 19/05/2017, n. 8-61/Leg, art. 29
  • le legnaie pertinenziali degli edifici, se rispettano le tipologie e i limiti dimensionali stabiliti dal PRG
  • le tende da sole avvolgibili prive di sostegni a palo su edifici posti nelle aree di tutela ambientale o soggetti alla disciplina in materia di beni culturali o compresi negli insediamenti storici, se rispettano i criteri stabiliti dal comune per la loro installazione (questi interventi sono liberi all'esterno delle aree  indicate o non soggette a vincoli)
  • le recinzioni di altezza inferiore a 150 centimetri
  • le attrezzature e gli elementi di arredo di pertinenza di esercizi pubblici e commerciali eseguiti nel rispetto delle disposizioni comunali in materia
  • gli interventi di installazione e di modifica di impianti fissi di telecomunicazione e di radiodiffusione su strutture esistenti (Decreto del Presidente della Provincia 19/05/2017, n. 8-61/Leg, art. 37)
  • gli interventi di demolizione delle strutture che ospitano impianti fissi di telecomunicazione e di radiodiffusione e la modifica delle strutture nei limiti del 20 per cento delle dimensioni della struttura esistente (Decreto del Presidente della Provincia 19/05/2017, n. 8-61/Leg, art. 37)
  • gli interventi di trasformazione del bosco per il ripristino di aree prative o pascolive o per la realizzazione di bonifiche agrarie che non richiedono alcuna opera di infrastrutturazione o di edificazione (Legge provinciale 23/05/2007, n. 11, art. 16, com. 1, let. c e c-bis e Decreto del Presidente della Provincia 19/05/2017, n. 8-61/Leg, art. 86, com. 4)
  • le opere precarie facilmente rimovibili e destinate a soddisfare esigenze improrogabili e temporanee (Decreto del Presidente della Provincia 19/05/2017, n. 8-61/Leg, art. 32)
  • la segnaletica sentieristica ed escursionistica e quella di denominazione di percorsi storici e culturali
  • i cartelli o altri mezzi pubblicitari all'interno dei centri abitati
  • cippi o simboli commemorativi posti all'esterno delle aree pertinenziali degli edifici, se di limitate dimensioni e se privi di opere murarie di fondazione.

Servizi

Per presentare la pratica accedi al servizio che ti interessa

Puoi trovare questa pagina in

Aree tematiche: Casa
Sezioni: Istanze edilizie
Ultimo aggiornamento: 03/04/2019 12:32.54